Vitamine e minerali per l’integrazione quotidiana: solo acido folico e vitamine B realmente utili.

 
 

La prevenzione e il trattamento delle patologie carenziali con vitamine e minerali è stato uno dei più grandi successi nella storia delle scienze della nutrizione. Di recente, l’interesse verso questo tipo di integrazione è andato ben oltre le classiche patologie carenziali, come ad esempio lo scorbuto, il beri-beri o le anemie carenziali di tipo sideropenica e megaloblastica. Oggi, infatti, l’attenzione si è spostata sulla prevenzione delle carenze marginali, o “sub-cliniche”, e sui possibili benefici che l’integrazione potrebbe avere nella popolazione generale. Stando ai risultati di un’indagine condotta su quasi 40.000 adulti tra 1999 e il 2012, negli Stati Uniti un adulto su due assume quotidianamente almeno uno di questi integratori alimentari. Si tratta di un’abitudine evidentemente sempre più diffusa e consolidata, ciononostante ancora manca un accordo generale che ne confermi la reale efficacia.

Gli Autori della meta-analisi, pubblicata sul Journal of the American College of Cardiology (Vol. 71, n° 22, June 5, 2018: 2570-84), hanno condotto una revisione sistematica di tutti gli studi e delle meta analisi dal 2012 fino a fine 2017, con lo scopo di verificare l’impatto sulle patologie cardiovascolari e tumorali, ma anche sulla mortalità in generale, dei multivitaminici-multiminerali, dei complessi vitaminici del gruppo B e degli antiossidanti.

 

Risultati sorprendenti.
Dei quattro tipi di integrazione più utilizzati (multivitaminici-multiminerali, Vitamina D, calcio, Vitamina C), nessuno ha dimostrato alcun effetto sulla mortalità cardiovascolare o per qualsiasi causa. La niacina (vitamina B3) e gli antiossidanti hanno addirittura mostrato una correlazione con un aumento della mortalità in generale. Solo l’acido folico e i complessi vitaminici del gruppo B hanno dimostrato una reale evidenza di beneficio, riducendo significativamente il rischio di ictus.

 

Conclusioni
L’integrazione di acido folico e alcune vitamine del gruppo B può rappresentare un valido aiuto in diverse situazioni, tuttavia il consiglio del medico è sempre importante per personalizzare l’integrazione in base alle reali necessità individuali. Tra gli integratori inseriti nel registro del Ministero della Salute, troviamo il “B-VITAL totale”, un complesso di vitamine del gruppo B con acido folico, ma senza niacina, disponibile in diverse formulazioni tra cui compresse rivestite ed effervescenti.



Scopri di più
B-Vital, Vitamina B, Bambini, Integratori, Pharmaline,
 
Piva 10317370152 • Realizzato ed edito da Energy S.r.l. con il contributo non condizionante di Pharma Line S.r.l.
Policy Privacy   |