Gli sport ideali per la prova costume

 
 

 

L’estate si avvicina, e con lei le meritatissime ore di relax da passare sguazzando nell’acqua o rilassandosi al sole. A guastare la festa, come ogni anno, la prova costume. Contro i rotolini che fanno capolino tra le pieghe degli abiti divenuti più sottili, l’arma migliore è sempre quella dell’attività fisica. Secondo un sondaggio realizzato per l'AdnKronos Salute da Eurodap (Associazione europea disturbi da attacchi di panico) più della metà dei connazionali dichiara di vivere con estremo disagio il rapporto con il proprio corpo, preferendo rinunciare a un invito al mare per la vergogna di doversi mostrare senza vestiti. Anche le destinazioni delle vacanze sono cambiate: sempre più italiani cercano l'alternativa al mare e affermano che la maggior parte delle decisioni sulla meta è influenzata dal proprio aspetto fisico (39%). Solo il 15% degli intervistati non crede che il suo peso forma sia una preoccupazione in vista delle vacanze, mentre il 40% non si sente ancora del tutto pronto ad affrontare il momento bikini, ma confida di avere tempo per rimettersi in forma. 
E, tra le ore alla scrivania e quelle sul divano, siamo giunti all’ultima chiamata utile per iniziare a seguire una dieta bilanciata e per mettere in pratica un adeguato esercizio fisico. Si stima che già siano al lavoro alla ricerca della propria silhouette 7 italiani su 10, e 6 su 10 credono che la strada migliore sia quella che richieda movimento e una buona sudata. L'esercizio fisico abituale, aiuta non solo a perdere peso ma incrementa anche la produzione e la liberazione delle endorfine, neurotrasmettitori della felicità, e così facendo diminuisce lo stress, che tra l’altro porta a mangiare male e a gonfiore.

Partire con il piede giusto
I primi passi da fare sono analizzare le proprie esigenze e stabilire degli obiettivi realistici.
Per costruire un corpo che ci faccia sentire a nostro agio in costume bisogna evitare colpi di testa. Innanzitutto è necessario stabilire un piano di allenamento. L’aver svolto in passato (soprattutto durante l’adolescenza) attività sportiva regolarmente è già un buon punto di partenza e, di conseguenza, un bel passo in avanti verso il raggiungimento del nostro scopo. Vanno quindi valutati peso ed età. Anche la determinazione e quindi l’aspetto psicologico della persona è molto importante. Quindi bisognerebbe conoscere la propria composizione corporea, e avere la percentuale di grasso corporeo.
Il piano di allenamento deve basarsi su obiettivi realistici, e chi si appresta a seguirlo deve essere consapevole della necessità di impegno, costanza e determinazione per avere risultati validi.

Via i depositi di grasso
L’addome scolpito piace a tutti, ma per ottenerlo è indispensabile ridurre il grasso che lo ricopre. Prima di allenare gli addominali, così come ogni tipo di muscoli, quindi è necessario contrastare “la ciccia”.
Per tonificarsi e perdere peso l’attività fisica più indicata è quella aerobica. Essa permette infatti l’attivazione continuativa del sistema cardio-circolatorio, senza richiedere uno sforzo intenso, e quindi limitando il rischio di farsi male, e permette di consumare i grassi di deposito e non solo gli zuccheri. Solo successivamente il corpo potrà essere pronto a un eventuale lavoro con i pesi.

 

L’attività aerobica
L’attività aerobica andrebbe praticata circa 40-60 minuti al giorno, quattro o cinque volte alla settimana. Se si vuole incrementarne l’intensità, è possibile, a sessioni alterne, farla precedere da un blando lavoro con i pesi (aumentare il carico utilizzato gradualmente). Il ritmo deve essere proporzionale allo stato di allenamento e non deve essere eccessivo. Un cardiofrequenzimetro potrebbe aiutare a far rimanere le pulsazioni attorno al numero corretto, calcolabile con la formula [(220-età)*0.7)]. 
È bene tenere presente che i grassi vengono utilizzati a scopo energetico dopo almeno mezz'ora dall'inizio dell'attività sportiva aerobica. Va tenuto conto che un allenamento di almeno 20 - 40 minuti "accelera" il metabolismo per circa 12-36 ore. L’organismo quindi continuerà a bruciare calorie in eccesso rispetto ai valori basali anche dopo aver concluso l’attività fisica.
Le attività aerobiche brucia-calorie sono numerose, il consiglio è quello di scegliere ciò che piace di più.
Ci sono quelle tradizionali, come la corsa, il nuoto, il ciclismo o il canottaggio. Ma anche alcune meno note e forse più divertenti. Per chi ama ballare si può consigliare la zumba o, in caso di temperature particolarmente calde o articolazioni delicate, l’acqua zumba, che unisce i ritmi latino americani con l’esercizio fisico in acqua. Per chi non ama gli spazi chiusi c’è lo street work, che utilizza dei circuiti all’aperto e trasforma alberi, panchine, muretti di parchi in attrezzi per il fitness. Potranno quindi essere fatti, in coppia o da soli, flessioni e piegamenti, alternando fasi veloci con altre più lente. Per chi ha bisogno di sfogare l’aggressività c’è la fit boxe, che non ha bisogno di presentazioni. Infine, chi ama la meditazione può prepararsi all’estate con Olit, una pratica di allenamento che mette insieme la meditazione con movimenti dinamici. Prevede l’esecuzione di esercizi di danza al rallentatore, ispirati in parte alle arti marziali, allo yoga e al pilates. Permette di migliorare la coordinazione, l’equilibrio e di sciogliere le articolazioni. Infine perfino i più pigri hanno qualcosa studiato per loro: è il real-ball fitness, un allenamento che si può fare comodamente seduti. Appoggiandosi su una grossa palla di gomma si eseguono diversi tipi di balzi, al ritmo di musica. Per tonificare maggiormente i muscoli si può usare un elastico.

Attenzione ai sali minerali
Se da un lato una bella sudata è fisiologica e positiva durante l’attività fisica, essa comporta inevitabilmente la perdita di sali minerali, in particolare di magnesio e potassio. Si tratta di nutrienti molto importanti, implicati in numerosi attività importanti all’interno dell’organismo. 
Magnesio e potassio si possono trovare in frutta, legumi e verdure, ma in caso di necessità, come per esempio durante un periodo di intenso allenamento, può venire in aiuto l’integrazione con prodotti studiati ad hoc. 
Tra questi, Sinergen minerale è caratterizzato da dosaggi di magnesio e potassio elevati associati a Vitamina C e quindi è particolarmente efficace per contrastare la perdita che si può avere in seguito a una sudorazione intensa. Ogni compressa effervescente contiene 768,20 mg di potassio bicarbonato, 702 mg di Magnesio carbonato e 392,50 mg di Magnesio lattato.
Come anticipato magnesio e potassio supportano la funzionalità neuromuscolare; inoltre il magnesio contribuisce a contrastare la stanchezza fisica e l'affaticamento, e il potassio al mantenimento di una normale pressione sanguigna. La Vitamina C aiuta il metabolismo energetico e l'efficienza del sistema nervoso. Questo prodotto è caratterizzato dall’essere totalmente tollerabile, al contrario di altri integratori salini che invece danno fastidio allo stomaco. Ha infine un ulteriore vantaggio pratico: si scioglie completamente e velocemente, senza lasciare residui in fondo al bicchiere, come invece capita con altri integratori.



Scopri di più
Sinergen, Potassio, Magnesio, Stanchezza, Pharmaline,
 
Piva 10317370152 • Realizzato ed edito da Energy S.r.l. con il contributo non condizionante di Pharma Line S.r.l.
Policy Privacy   |