Ruolo dell’ossido nitrico nello sport

 
 

Prima di entrare nel merito, ricordiamo che l’ossido nitrico è composto da un atomo di ossigeno e da uno di azoto. Viene prodotto nell’endotelio, ossia il tessuto che riveste la superficie interna dei vasi sanguigni e linfatici, ma anche nelle cellule nervose; viene sintetizzato a partire dalla L-Arginina.

La sua emivita all’interno dell’organismo è molto breve e dura massimo 2/3 secondi. Fondamentale per la generazione di ossido nitrico è l’aminoacido polare semi essenziale Arginina, il cui apporto può essere ottimizzato grazie ad alimenti specifici – per esempio i semi di zucca, i lupini e il merluzzo – ma anche attraverso l’integrazione.

Ritornando al ruolo dell’ossido nitrico nello sport, ricordiamo i suoi principali vantaggi.

Vasodilatazione e azione diretta sulla muscolatura liscia, le cui prestazioni risultano ottimizzate grazie al più rapido e facile trasporto di nutrienti. Ciò vale sia per gli sport di endurance, sia per quelli di resistenza.
Miglior smaltimento di tossine e acido lattico, con vantaggi riguardanti sia la resistenza, sia l’intensità dello sforzo.
Flusso ematico corretto anche in caso di ematocrito alto, una condizione tipica di chi fa sport.
I vantaggi dell’ossido nitrico per la vita quotidiana degli sportivi non finiscono certo qui! Da ricordare, infatti, è anche il supporto che questa sostanza fornisce al sistema nervoso.

Il monossido di azoto, infatti, facilita i messaggi neuronali. Ciò implica un miglioramento sia della memoria, sia dei processi di apprendimento e della capacità di concentrazione, utilissima quando si compiono sforzi particolarmente intensi.

Come già specificato, la produzione di ossido nitrico avviene naturalmente. La presenza di questa sostanza nell’organismo è favorita anche dalla buona alimentazione.
Tra i cibi si ricordano, oltre a quelli già elencati, l’alga spirulina, le arachidi, la farina di soia, il fieno greco e le mandorle.

Ovviamente anche l’integrazione ha un ruolo fondamentale, soprattutto quando la produzione fisiologica di ossido nitrico comincia a calare a causa di fattori come l’età e lo stress.
Esistono diversi prodotti utili al proposito. Tra i più efficaci ricordiamo quelli che, oltre all’Arginina, contengono anche Citrullina. Il primo amminoacido, infatti, è essenziale per la produzione di ossido nitrico ma viene assorbito con difficoltà dal corpo.

Grazie alla Citrullina, amminoacido non essenziale, è possibile dimenticare questo problema! Essa infatti agisce come precursore dell’Arginina che, da sola, non è molto efficace in quanto viene eliminata dagli enzimi epatici.

Non bisogna poi dimenticare che l’integrazione di Arginina e Citrullina è essenziale per il rilascio dell’ormone della crescita.

Negli sportivi la cosa riveste particolare importanza per un motivo molto semplice: l’ormone della crescita stimola l’anabolismo muscolare, ossia l’insieme di quei processi metabolici che portano alla formazione di nuovo tessuto muscolare.

Il processo in questione è più semplice anche grazie al miglior afflusso ematico, in virtù del quale vengono veicolate più facilmente e rapidamente le proteine ai muscoli.
Grazie all’integrazione di Arginina e alla conseguente ottimizzazione della produzione di ossido nitrico, lo sportivo può apprezzare un notevole miglioramento delle performance e del benessere fisico in generale.

Ovviamente l’efficacia dell’Arginina in ambito sportivo è stata indagata da numerosi studi. Uno di questi, pubblicato recentemente sulla rivista European Journal of Clinical Nutrition, ha valutato l’integrazione – per sei settimane – di 2 grammi L-Arginina, prendendo in esame i risultati di 56 atleti professionisti.

Le performance dei soggetti coinvolti nel campione sono state valutate secondo l’Harvad Step Test, che prevede di salire e scendere da uno scalino alto 50 centimetri per 30 volte al minuto per 5 minuti consecutivi.

Il test in questione è stato condotto sia all’inizio, sia alla fine dello studio. Cosa è stato notato? Un miglioramento della potenza aerobica e una riduzione del BMI nei soggetti trattati con Arginina.

Confrontando i risultati in questione con quelli di studi precedenti, i ricercatori hanno concluso che il consumo di L-Arginina per un periodo prolungato è più efficace rispetto ad aumenti di dosaggio sporadici.



Scopri di più
Stenorex, Sport, Arginina, Ossido Nitrico, Citrullina, Pharmaline,
 
Piva 10317370152 • Realizzato ed edito da Energy S.r.l. con il contributo non condizionante di Pharma Line S.r.l.
Policy Privacy   |